Vado al massimo
Vado al massimo
La Puglia si conferma al top delle mete turistiche

L’estate è agli sgoccioli ma c’è ancora qualche giorno per godere del sole e della possibilità di organizzare un viaggio in Puglia, anche per un solo fine settimana. Settembre è il mese ideale per visitare una o più località e sperimentare il tempo del relax, senza doversi confrontare con luoghi affollati e con temperature record.

Il turismo in Puglia si è rivelato, anche quest’anno, da guinness dei primati. I dati in possesso della Regione, sugli arrivi nelle strutture ricettive di tutto il territorio (7000 quelle registrate nel data base), confermano il trend più che positivo degli ultimi anni. Anche se provvisori e parziali si registrano, nel periodo giugno-agosto, un +3% per gli arrivi e un +4% per le presenze, rispetto al 2018. 

Un’estate fortunata quella pugliese, soprattutto se si considerano i risultati di altre regioni italiane, non altrettanto entusiasmanti. In Puglia si era già registrato un incremento delle presenze nei primi sei mesi dell’anno e la stagione estiva ha seguito la scia tracciata dalle precedenti.

Complici il mare pugliese, le tradizioni regionali, la cultura, la storia, il cibo e località che sono da sempre poli d’attrazione per i turisti. Da diversi anni, inoltre, la regione gode del “sostegno” della stampa, anche quella estera e può contare sul traino offerto dal cinema e dalla televisione, oltre che dai numerosi eventi musicali organizzati ovunque, dal Gargano al Salento. La stessa Taranto si offre, da qualche anno, come set naturale, per moltissime produzioni cinematografiche e televisive.

Non una minore importanza hanno avuto i grandi eventi dedicati al rock e alla musica, nel capoluogo jonico e nella sua provincia. Le Cave di Fantiano di Grottaglie, ad agosto, hanno attratto migliaia di appassionati di pop, rock, punk, con il Cinzella Festival, giunto alla sua III edizione.

Altri indicatori significativi rispetto ai flussi turistici in Puglia sono gli aeroporti, che registrano un numero sempre maggiore di viaggiatori, in entrata e in uscita. Non bisogna trascurare nemmeno i riconoscimenti di guide turistiche internazionali come Lonely Planet, per Bari e di articoli autorevoli del New York Times, per la Puglia. Anche il Monun Hotel ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti da parte della stampa: la struttura è stata inserita nella nuova Guida ai sapori e ai piaceri della Puglia, pubblicata dal Gruppo Gedi, editore dei quotidiani La Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX, eccetera.

Il tacco d’Italia è vincente anche fuori dai confini europei, gli arrivi da paesi come il Brasile e l’Australia lo confermano. Come già sottolineato, il clima mite di settembre favorirà altri viaggi in Puglia. Il Monun Boutique Hotel, con il suo Restaurant gourmet e la sua Spa è meta privilegiata, in ogni stagione. Vi aspetta, come sempre, a settembre e nei mesi a venire.