Abitudini sane, anche a tavola
Abitudini sane, anche a tavola
In attesa di tornare al Monun Restaurant

Il cambio delle abitudini, imposto dalla situazione emergenziale che tutto il mondo sta vivendo, investe ogni aspetto dell’esistenza, compresa la nostra alimentazione. Intanto lo chef del Monun Restaurant e i suoi assistenti continuano ad esercitare la loro creatività, ciascuno a casa propria naturalmente, in vista del momento in cui si tornerà in sala, tutti insieme, attorno ad una bella tavola apparecchiata.
Nessuno di loro trascura, naturalmente nemmeno in questa circostanza, l’importanza di un’alimentazione sana e genuina (una vera e propria filosofia per il Monun).

Restare a casa non significa consumare cibo in eccesso o avere una buona scusa per evitare l’attività fisica. In questo momento, soprattutto, si deve cercare di non cedere a troppe tentazioni, né alla pigrizia, privilegiando l’equilibrio, in tutte le scelte, anche quelle gastronomiche. Può essere molto gratificante riscoprire una parte di sé, attraverso le ricette della nonna, e cimentarsi, da soli o in famiglia, nella loro realizzazione. Mettere le mani in pasta è senza dubbio un buon antistress, così come scoprire la bellezza del combinare ingredienti e sfornare, magari anche del pane. Dare forma e sostanza fisica a qualcosa, produrre “con le mani” quel che solitamente si compra è una “medicina” incredibile, per l’anima. 

Sui social non mancano mai le bufale, e in questi giorni di isolamento forzato quanto doveroso, ne circolano più di prima e alcune riguardano proprio l’alimentazione. Premesso che non esistono cibi anti-Coronavirus, è importante, in ogni caso, mangiare bene, come in qualsiasi momento della vita, per aiutare il sistema immunitario ad essere più forte
Prendere d’assalto i supermercati non ha senso, gli scaffali sono regolarmente riforniti; mentre è utile, anche in questo momento recarsi a far la spesa, in maniera ordinata e acquistare i prodotti, scegliendo quelli più adatti al tipo di vita che si sta facendo, insieme ma distanti. 

Privilegiare i cibi ricchi di vitamine (in particolare C e D) è sempre una buona idea, così come tenere in frigo buone quantità di frutta, verdura e ortaggi. Vere fonti di benessere.  Mangiare la pasta va benissimo, se poi si utilizzano più cereali ancora meglio. Si possono acquistare le farine di kamut, di farro e le altre che sono in commercio, per le preparazioni più diverse. Le farine integrali sono utilissime, perché ricche di fibre. E le focacce preparate con farine diverse possono risultare più gustose. Quanto alle proteine (importantissime) è bene non eccedere, pensando di essere giustificati dal momento, nel consumo di carne; preferire invece il pesce azzurro e i legumi. 

Tutti i cibi ricchi di grassi saturi o fritti non sono banditi, ma vanno consumati con moderazione. Approfittiamone, insomma, per fare un ripasso “pratico” dei benefici della dieta mediterranea. Infine, concediamoci un dolce ogni tanto, magari fatto in casa, lo ripetiamo. E non facciamoci mancare il cioccolato fondente. Fa bene all’umore ed è un ottimo antiossidante.

Insieme ma distanti, ce la facciamo!